login

chi è online

Abbiamo 710 visitatori e nessun utente online

| Meteo della zona | Photogallery | Video | Descrizione | Traccia GPS |
 

Batteria Paradiso

Susa - Madonna dell'Ecova - Batteria Paradiso - Susa

Difficoltà: MC/BC+Ciclabilità salita: 100%Ciclabilità discesa: 100%


Sviluppo: 15.1 km Durata: 03:28:17 Dislivello: 747 m
Quota min.: 514 m Quota max: 1254 m Range di quota: 740 m



Volo 3d della traccia del giro:

Cartografia di riferimento: Fraternali 3 - Val Susa Val Cenischia Rocciamelone Val Chisone - scala 1:25000


 

Descrizione percorso:


Disclaimer:
Andare in bicicletta puo' essere pericoloso. Per questo motivo i responsabili e i contributori di questo sito, pur facendo il possibile per mantenere la massima accuratezza e affidabilita' delle informazioni, non accettano alcuna responsabilita' riguardante errori, omissioni, correttezza dei percorsi gps, indirizzi di strutture ricettive, e qualunque altra informazione contenuta in queste schede. Lo staff di etabetamtb.net non e' inoltre responsabile qualora accadessero incidenti sui percorsi suggeriti, inclusa la perdita totale o parziale di equipaggiamento o danneggiamento alla vostra bicicletta. Siate sempre consapevoli del vostro livello di allenamento per pedalare sempre in assoluta sicurezza. Lo staff di etabetamtb.net si riserva il diritto di modificare o aggiornare i contenuti delle schede dei percorsi e le relative descrizioni in qualunque momento e senza nessun preavviso. Ci scusiamo tuttavia degli inconvenienti che potremmo causare.


 

Anello di modesto impegno fisico (per sviluppo e dislivello) ma da non sottovalutare per impegno tecnico richiesto. Cugino minore dei ben più noti sentieri della zona (558, 559, 560 e GTA), con i quali condivide parte della salita (in quanto evidentemente più breve) e le caratteristiche della discesa, con l'eccezione della prima parte che invece si svolge in un bucolico ambiente boschivo e su terreno superflow. Da effettuarsi magari come uscita serale o solo mattutina.
La salita qui descritta si svolge tutta su asfalto, anche come quella descritta per il GTA dal Truc, ma nulla vieta come valida alternativa, di salire in parte su sterrato come descritto nella scheda del sentiero 559.
La traccia GPS qui linkata è stata tracciata partendo non dal solito punto di partenza (piazza della Repubblica - Susa), ma poco più avanti, direttamente in corrispondenza del primo bivio (attenzione quindi ai riferimenti delle distanze percorse che variano un po' rispetto alle altre descrizioni).

Azzerato il ciclocomputer, imboccare subito via Urbiano iniziando subito con una una lieve salita. Continuare a salire, seguendo le indicazioni per Piampalù, attraversando la frazione di Urbiano. La pendenza inizia a farsi più decisa e si affronta una serie di tornanti. Si giunge quindi ad una biforcazione (km 2.1): da qui parte l'alternativa su asfalto. Proseguire a destra sui tornanti e continuare a salire. Passata la Chiesa della Madonna dell'Ecova (km 2.6) continuare in salita e tralasciare la successiva deviazione a sinistra (km 3.2). Affrontare i tornanti seguenti e continuare diritti alla deviazione successiva tralasciando la strada per Chiamberlando (km 4.4). Continuare a salire su asfalto, a quota 1050 circa (km 6.7) si arriva all'innesto della sterrata che sale da Seghino (suggerita come alternativa a questa salita). Proseguire sempre in salita su asfalto fino al primo evidente tornante destrorso (km 9.0) in corrispondenza del quale occorre imboccare l'evidente tratto sterrato che con un breve trasferimento in piano porta a una radura prativa (km 9.5), da cui inizia il sentiero di discesa.
Individuare la traccia di discesa al di là della barriera di alberi, affacciandosi sul promontorio esposto. Piegare a sinistra e seguire il sentiero che si presenta inizialmente quasi pianeggiante e molto filante, fino a giungere in loc. Case Alteretti (km 10.3). Attraversare la sterrata e proseguire sul sentiero naturale proseguimento di quello appena percorso e che poco oltre piega naturalmente a sinistra. Da qui in poi il sentiero diventa tipica mulattiera valsusina e le difficoltà tecniche aumentano non di poco. Il sentiero sbuca quindi su vasta radura prativa (km 11.2 - caratteristiche placche di roccia), in località Case Trucetti (ruderi). Piegare ora a destra e continuare a seguire l'evidente mulattiera, fino a sfociare su ampia sterrata (km 11.4). Proseguire a destra e imboccare l'evidente sentiero che si stacca a sinistra qualche decina di metri pù avanti e seguirlo fino a incontrare il sentiero GTA (o sentiero 529 - km 12.0). Svoltare a destra e seguirlo senza possibilità di errore fino alla sua naturale conclusione (km 12.5). Ultimo tratto di discesa cementata e si giunge sull'asfalto (km 12.6 - loc. San Giuseppe). Piegare a sinistra e in breve si giunge al punto di partenza (km 15.3).


Ultimo aggiornamento: 02.05.2017


 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna